top of page

Nuovo al linguaggio relativo alla salute? Apri il nostro glossario in una finestra separata per una facile lettura! I termini negli articoli trovati nel nostro glossario sono evidenziati .

Cosa sono l'HIV e l'AIDS?

Aggiornamento: 17 gen

L'HIV (virus dell'immunodeficienza umana) è un virus che attacca il sistema immunitario e porta a una malattia mortale: l'AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita).


Questo articolo aspetta una revisione medica.

Contributori

Scritto da Yasemin Kaya

Revisionato da Sophie Oppelt e Alizeh Ahsan

Editato da Juliëtte Gossens

Tradotto da Alessandra Papitto

 

L'HIV è un virus che attacca il sistema immunitario (1). Normalmente, il sistema immunitario aiuta il nostro corpo a combattere tutti i tipi di microbi e infezioni e ci impedisce di ammalarci gravemente. Tuttavia, l'HIV attacca le cellule del sistema immunitario. Ciò significa che le persone con infezione da HIV sono più a rischio di contrarre diverse malattie come l'infezione polmonare, la tubercolosi e persino alcuni tipi di cancro.

Le parole HIV e AIDS sono spesso usate insieme e in modo intercambiabile, ma non sono la stessa cosa. L'HIV è il virus che causa l'AIDS. L'AIDS è il risultato dell'infezione virale: livelli estremamente bassi di cellule immunitarie (soprattutto i globuli bianchi). L’HIV una delle più importanti cause di morte in tutto il mondo (17).


Cosa stiamo trattando



 

Chi può contrarre l'HIV o l'AIDS?

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), nel 2021 ci sono state 1,5 milioni nuove infezioni da HIV in tutto il mondo (14). Il virus è particolarmente comune in Africa: due terzi di tutte le nuove infezioni si sono verificate in quella regione. Nel 2021, 38,4 milioni di persone convivevano con l'infezione (si dice che fossero sieropositive) e purtroppo in quell'anno ci furono circa 650mila morti per Aids. Fin dall'inizio degli anni '80, la malattia ha causato almeno 40 milioni di vittime- nonostante potrebbero essere molte di più. Questo perché i casi potrebbero essere sottostimati a causa dello stigma associato all'HIV e all'AIDS. In molti luoghi del mondo, le persone sieropositive sono in pericolo se altre persone sanno che sono infette (3, 15, 16).

Molte persone credono che solo alcuni gruppi di persone possano contrarre l'HIV, come gli uomini gay. Tuttavia, chiunque può essere infettato dall'HIV ed è importante proteggersi quando si fa sesso con altre persone. Puoi leggere di più sui modi per proteggerti qui. Detto questo, vediamo che alcuni gruppi di persone sono più a rischio, principalmente a causa delle loro circostanze sociali ed economiche (3). Questi includono:


- Uomini che hanno rapporti sessuali con uomini

- Persone che fanno uso di droghe iniettabili (come l’eroina) nel loro sistema circolatorio

- Prigionieri

- Lavoratori del sesso

- Persone Transgender


Perché gli uomini che fanno sesso con uomini e le persone transgender sono più a rischio di HIV?


Ancora una volta, anche se non appartieni a nessuno di questi gruppi, non sei assolutamente protetto dall'infezione da HIV. Puoi ancora contrarlo se non fai sesso sicuro, anche se sei eterosessuale e cisgender. In effetti, le nuove infezioni da HIV nel Regno Unito colpiscono le persone che hanno rapporti sessuali eterosessuali e gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini in una divisione quasi 50-50 (20).


Come progredisce l'HIV

Un'infezione da HIV passa attraverso tre diverse fasi, con lo sviluppo dell'AIDS come ultima fase.


Prima fase: acuta

Quando le persone sono appena state infettate, spesso hanno sintomi simil-influenzali: febbre, mal di gola, sudorazione notturna e affaticamento sono comuni nella prima fase (acuta) della malattia. Poiché questi disturbi sono molto comuni in tutti i tipi di malattie, è difficile riconoscere l'infezione da HIV nella fase iniziale. Questi sintomi in genere scompaiono entro due settimane (2). Durante questo periodo, il numero di particelle di HIV nel sangue (la cosiddetta carica virale) è molto elevato. Ciò significa che è facile trasmettere l'infezione a un'altra persona se si hanno rapporti sessuali non protetti o si condividono aghi, ad esempio. Maggiori informazioni sui modi in cui l'HIV viene trasmesso di seguito.

Seconda fase: cronica

Durante la seconda fase della malattia, il virus si moltiplica nel corpo. La carica virale aumenta progressivamente nel tempo man mano che il virus attacca le cellule immunitarie. Questo è un ciclo: mentre il virus attacca, il sistema immunitario può combattere meno bene il virus perché i suoi "soldati" (i globuli bianchi) sono infetti. A sua volta, questo consente al virus di moltiplicarsi di più. Ma questo non provoca alcun sintomo per molto tempo e i sintomi simil-influenzali della fase acuta sono scomparsi. Ecco perché questa fase è spesso chiamata fase asintomatica (che significa senza sintomi): non ti accorgi nemmeno di ciò che sta accadendo nel tuo corpo. Questa fase può richiedere molto tempo (fino a 10 anni senza trattamento), durante la quale il numero dei globuli bianchi diminuisce costantemente (2). Questa è la causa principale dello sviluppo dell'AIDS.

Terza fase: AIDS

Nella terza fase, una persona con infezione da HIV progredisce verso l'AIDS. Questa è la fase terminale pericolosa per la vita della malattia. È pericoloso per la vita perché il tuo sistema immunitario è stato indebolito dal virus dell'HIV, al punto da non poter combattere nemmeno i microbi più deboli. Ci sono anche alti livelli di HIV nel sangue (alta carica virale), il che significa che la malattia può essere facilmente trasmessa ad altre persone (vedi sotto). Questa fase può durare fino a tre anni se non trattata. Alla fine, l'AIDS porta a infezioni così gravi da causare la morte (2).


Come si trasmette l'HIV?

L'HIV può essere trasmesso (nel senso che infetta un'altra persona) quando il sangue, lo sperma, il pre-seme ("pre-cum") o i fluidi vaginali della persona infetta entrano in contatto con il sangue di qualcun altro, ferite aperte o tessuti della mucosa (in la bocca, la vagina e il canale anale). Ci sono quattro modi principali in cui l'HIV si diffonde da una persona all'altra (4):


- Sesso: l'HIV può essere trasmesso attraverso il sesso anale e vaginale. Tuttavia, a causa di alcuni aspetti del canale anale, il rischio di infezione è dieci volte superiore durante il sesso anale rispetto al sesso vaginale. Soprattutto quando sono presenti ferite o eruzioni cutanee nella zona genitale (dovute ad esempio ad altre malattie sessualmente trasmissibili), il rischio di trasmettere il virus è alto.

o Il rischio di trasmissione durante il sesso orale con un pene è incredibilmente basso (19), anche se potrebbe accadere se la persona che usa la bocca ha piaghe aperte in bocca. Per assicurarti di essere protetto, usa un preservativo esterno

o Anche il rischio di trasmissione durante il sesso tra due o più persone con una vagina è incredibilmente basso. Ci sono solo pochi rapporti che siano mai accaduti (19).


- Condivisione dell'ago: negli ospedali in cui non esiste un'adeguata sterilizzazione delle attrezzature di iniezione usate (ad esempio in alcune aree con risorse limitate), questa modalità di trasmissione gioca un ruolo importante. Questo vale anche se stai usando aghi per iniettare droghe e condividi quegli aghi con altre persone. Questo è il motivo per cui è consigliabile che il medico ti controlli per l'HIV quando entri per un controllo se ti inietti droghe (21).


- Da madre a figlio: il virus dell'HIV può essere trasmesso dalla madre o dal genitore durante il parto al bambino durante la gravidanza, il parto e l'allattamento. Come puoi leggere di seguito, ci sono farmaci disponibili che possono prevenire questa trasmissione.


- Trasfusioni di sangue: oggi il sangue donato viene controllato per la contaminazione da HIV, epatite e altri virus e batteri che causano malattie. Ma alcuni decenni fa, questo non accadeva di routine, il che significa che molte persone che hanno ricevuto trasfusioni di sangue durante quel periodo sono state infettate dall'HIV perché hanno ricevuto sangue contaminato. Questo a volte accade ancora (19), anche se è molto raro.

È importante notare che l'HIV non si diffonde attraverso la tosse, gli starnuti o attraverso l'aria (5). È perfettamente possibile condividere una casa con una persona infetta e utilizzare gli stessi piatti e servizi igienici. Contatto fisico, come stringere le mani, baciarsi, e abbracciarsi non può trasmettere la malattia. Sei a rischio solo quando entri a contatto con il sangue, sperma, o fluidi vaginiali di qualcuno.

Come viene diagnosticato l'HIV

Quando il tuo medico sospetta che potresti essere stato infettato dall'HIV, alcuni test differenti possono essere utilizzati per diagnosticarlo.


Attualmente, le linee guida europee per il test HIV raccomandano un test antigene-anticorpo come prima scelta (7). Per questo test, un operatore sanitario preleva parte del sangue da una vena. Questo viene poi inviato a un laboratorio. I livelli di antigene e anticorpi vengono quindi misurati nel sangue. Parte della particella dell'HIV è l'antigene e il nostro corpo reagisce all'infezione producendo anticorpi specifici per questo antigene (8). Questi anticorpi di solito aiutano a eliminare i microbi, ma nel caso dell'HIV, non sono abbastanza efficaci per farlo. Una persona con infezione da HIV avrà quindi sia l'antigene dell'HIV che gli anticorpi contro l'HIV nel sangue.


Il vantaggio principale di questo test è che può rilevare l'HIV nella prima fase (acuta), quando sei appena stato infettato. È anche un test molto affidabile, con un'alta sensibilità e specificità. Se questo test è positivo, viene eseguito un test diverso (chiamato test di differenziazione anticorpale) per vedere quale tipo di HIV è presente. Questo può influenzare il trattamento che il medico consiglia.

Lo svantaggio del test antigene-anticorpo è che richiede materiali e tecniche specifici, che potrebbero non essere accessibili in un'area a basse risorse (5). Il test ha anche bisogno di sangue, il che significa che deve essere fatto in un ambiente sanitario professionale. Un'opzione diversa che non richiede molte risorse o sangue è il test rapido dell'HIV (9). Questi test rapidi misurano i livelli di anticorpi nel sangue (da un dito, non dalla vena) o anche nei fluidi dalla bocca. Questo test può essere eseguito a casa o in strutture sanitarie a basse risorse e dà un risultato in 20-40 minuti. Tuttavia, un test rapido è meno affidabile del test anticorpo-antigene e non può rilevare l'infezione nella fase acuta.

Come l'HIV può essere prevenuto

Attualmente, non esiste una cura per l'HIV. Ma una volta diagnosticato, può essere gestito con farmaci (vedi sotto). Diagnosticare l'HIV e controllarlo con i farmaci sono i modi più importanti ed efficaci per prevenire la trasmissione e lo sviluppo in AIDS.


Ma ci sono diversi modi in cui tu e il tuo medico potete aiutare a prevenire l'infezione da HIV in primo luogo. Questi includono:


- Uso del preservativo: sebbene l'uso perfetto del preservativo impedisca completamente la trasmissione dell'HIV, è difficile usare perfettamente un preservativo (leggi di più sull'uso corretto qui). Ecco perché i preservativi sono efficaci per circa l'80% nella protezione contro la trasmissione dell'HIV. Ciò significa che in 80 su 100 rapporti sessuali con una persona sieropositiva, il preservativo protegge dall'infezione da HIV (10).


- Prevenzione della trasmissione da madre a figlio: l'HIV può essere trasmesso dalla madre o dal genitore al bambino durante la gravidanza, il parto e l'allattamento. Tuttavia, quando la persona incinta sta assumendo farmaci per gestire la propria infezione, la quantità di virus nel sangue è bassa. Questo impedisce quasi sempre la trasmissione (11).


- Circoncisione medica: la circoncisione medica del pene può ridurre la trasmissione dell'HIV tra il 50 e il 60% (12). Questo perché ci sono molte cellule immunitarie nel prepuzio del pene, che vengono attaccate dall'HIV. Se rimuovi il prepuzio, l'HIV ha meno cellule a cui attaccarsi. Durante la fase iniziale di guarigione, la trasmissione è molto più probabile perché è una ferita fresca. Una volta che la ferita è guarita correttamente, la circoncisione è considerata una parte importante della prevenzione dell'HIV.

È importante notare che questo vale soprattutto per le situazioni eterosessuali e che protegge principalmente il partner maschile o la persona con il pene (19). L'effetto della circoncisione per gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini non è chiaro.


- Post esposizione alla profilssi: anche se sei già stato esposto all'HIV ("post-esposizione"), è possibile prevenire l'infezione se il trattamento viene iniziato entro 72 ore da questa esposizione (2). Esempi di esposizioni includono rapporti sessuali non protetti con una persona sieropositiva, un incidente con ago nell'assistenza sanitaria o il contatto con il sangue con una persona sieropositiva. In questi casi, o in altre situazioni in cui c'è il rischio di esposizione all'HIV, puoi ricevere un farmaco preventivo (questo è ciò che significa profilassi) in modo da non essere infetto. In genere, dovrai assumere questo farmaco per circa 4 settimane. Quindi: se pensi di essere stato esposto all'HIV, contatta il tuo medico o una clinica di salute sessuale il prima possibile.


- Pre esposizione alla profilassi (PrEP): alcune persone hanno un rischio maggiore di essere infettate, ad esempio se appartengono ai gruppi sopra menzionati. In questi casi, potrebbe essere utile assumere farmaci in modo preventivo, prima ancora di essere stati esposti all'HIV ("pre-esposizione"). L'assunzione di questo farmaco come prescritto (prendendolo ogni giorno, in tempo) può ridurre il rischio di infezione da HIV di circa l'86% nel caso in cui si sia esposti (13). Ma è spesso difficile per le persone assumere costantemente il farmaco, quindi la riduzione del rischio è in genere inferiore.

Se pensi di poter trarre beneficio dalla PrEP (ad esempio perché fai regolarmente sesso anale con partner diversi o perché ti inietti droghe), contatta il tuo medico per chiedere informazioni sulle possibilità.



Vivere con l'HIV

Sebbene l'HIV non possa ancora essere curato, può essere gestito con farmaci.

Questi farmaci – chiamati farmaci antiretrovirali (ART) – mantengono una persona sieropositiva nella fase asintomatica dell'infezione. L'ART impedisce anche alle particelle di HIV di moltiplicarsi, quindi la carica virale viene mantenuta bassa (6). L'obiettivo è quello di mantenere la carica virale così bassa, che non è rilevabile nel sangue. Ciò riduce notevolmente il rischio di trasmissione nel caso in cui qualcun altro sia esposto al sangue, allo sperma, al pre-cum o ai fluidi vaginali della persona sieropositiva. Le persone infette da HIV possono quindi vivere la vita normale senza doversi preoccupare di trasmettere l'infezione, se assumono i loro farmaci in modo coerente e la loro carica virale non è rilevabile.


Il farmaco purtroppo non può eliminare completamente il virus. Ciò significa che non appena si smette di prenderlo, o non lo si sta prendendo in modo coerente, il virus può moltiplicarsi di nuovo. Può anche diventare resistente contro il farmaco, quindi non funzionerà altrettanto bene. Quindi corri un rischio maggiore di progressione della malattia verso l'AIDS e hai maggiori probabilità di trasmettere l'infezione.




 

Referenze


  1. Centers for Disease Control and Prevention. About HIV. Available from: https://www.cdc.gov/hiv/basics/whatishiv.html [Accessed November 27th, 2022]

  2. Deeks SG, Overbaugh J, Phillips A, Buchbinder S. HIV infection. Nature Reviews Disease Primers. 2015;1(1):15035. DOI: 10.1038/nrdp.2015.35

  3. Joint United Nations Programme on HIV/AIDS (UNAIDS). UNAIDS report on the global AIDS epidemic 2013. Available from: https://www.unaids.org/en/resources/documents/2013/20130923_UNAIDS_Global_Report_2013 [Accessed November 27th, 2022]

  4. Joint United Nations Programme on HIV/AIDS (UNAIDS). HIV and AIDS – Basic facts. Available from: https://www.unaids.org/en/frequently-asked-questions-about-hiv-and-aids [Accessed November 27th, 2022]

  5. Ghosn J, Taiwo B, Seedat S, Autran B, Katlama C. HIV. Lancet. 2018;392(10148):685-697. DOI: 10.1016/S0140-6736(18)31311-4

  6. Centers for Disease Control and Prevention. HIV treatment. Available from: https://www.cdc.gov/hiv/basics/livingwithhiv/treatment.html [Accessed November 27th, 2022]

  7. Gökengin D, Geretti AM, Begovac J, Palfreeman A, Stevanovic M, Tarasenko O, et al. 2014 European Guideline on HIV testing. Int J STD AIDS. 2014;25(10):695-704. DOI: 10.1177/0956462414531244

  8. Sonora Quest Laboratories. HIV-1/2 Antigen and Antibodies Fourth Generation, with Refl­exes. Available from: https://providers.sonoraquest.com/media/1150/hiv_4th_gen_test_summary_0416-2.pdf [Accessed November 27th, 2022]

  9. Centers for Disease Control and Prevention. Advantages and Disadvantages of FDA-Approved HIV Assays Used for Screening. Available from: https://www.cdc.gov/hiv/pdf/testing/hiv-tests-advantages-disadvantages_1.pdf [Accessed November 27th, 2022]

  10. Weller S, Davis K. Condom effectiveness in reducing heterosexual HIV transmission. Cochrane Database Syst Rev. 2002;(1):Cd003255. DOI: 10.1002/14651858.CD003255

  11. Mandelbrot L, Tubiana R, Le Chenadec J, Dollfus C, Faye A, Pannier E, et al. No perinatal HIV-1 transmission from women with effective antiretroviral therapy starting before conception. Clin Infect Dis. 2015;61(11):1715-1725. DOI: 10.1093/cid/civ578.

  12. Bailey RC, Moses S, Parker CB, Agot K, Maclean I, Krieger JN, et al. Male circumcision for HIV prevention in young men in Kisumu, Kenya: a randomised controlled trial. Lancet. 2007;369(9562):643-656. DOI: 10.1016/S0140-6736(07)60312-2

  13. McCormack S, Dunn DT, Desai M, Dolling DI, Gafos M, Gilson R, et al. Pre-exposure prophylaxis to prevent the acquisition of HIV-1 infection (PROUD): effectiveness results from the pilot phase of a pragmatic open-label randomised trial. Lancet. 2016;387(10013):53-60. DOI: 10.1016/S0140-6736(15)00056-2

  14. Jahagirdar D. Wrong Code. Available from: https://www.thinkglobalhealth.org/article/wrong-code [Accessed December 1st, 2022]

  15. Davis SLM. The uncounted: politics of data and visibility in global health. The International Journal of Human Rights. 2017;21(8):1144-1163. DOI: 10.1080/13642987.2017.1348707

  16. Quinn TC. Global epidemiology of HIV infection. In: Bartlett JA, Bogorodskaya M (eds.). UpToDate. 2022.

  17. Kelley CF, Pollack I, Yacoub R, Zhu Z, Van Doren VE, Gumber S et al. Condomless receptive anal intercourse is associated with markers of mucosal inflammation in a cohort of men who have sex with men in Atlanta, Georgia. Journal of the International AIDS Society. 2021;24(12):e25859. DOI: 10.1002/jia2.25859

  18. Cohen MS. HIV infection: Risk factors and prevention strategies. In: Gulick RM, Mitty J (eds.). UpToDate. 2022.

  19. National AIDS Trust. HIV in the UK statistics. Available from: https://www.nat.org.uk/about-hiv/hiv-statistics [Accessed December 1st, 2022]

  20. European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction. Guidelines for testing HIV, viral hepatitis and other infections in injecting drug users. Luxembourg: Publications Office of the European Union, 2010. Available from: https://www.emcdda.europa.eu/attachements.cfm/att_118462_EN_TD3009243ENC_web.pdf [Accessed December 2nd, 2022]


Nota: le informazioni che condividiamo con te qui sono unicamente a scopo istruttivo. Se provi disconforto, o hai qualsiasi tipo di dolore, o domanda, contatta il tuo dottore o un'altra figura professionale nell'ambito della salute. Non diamo suggerimenti medici.

Comments


bottom of page